bottega filosofica 1

Buongiorno,

sono Myriam Ines Giangiacomo e Bottega Filosofica nasce da un'idea che accarezzavo da tempo e ho cominciato a realizzare quando, dopo una esperienza consulenziale e manageriale quasi trentennale in grandi aziende italiane e alla soglia dei 50 anni, ho deciso di regalarmi una vita più libera, sostenibile e soddisfacente dedicandomi a ciò che più mi piace: aiutare le persone e le organizzazioni a vivere meglio attraverso lo sviluppo personale e l'innovazione sociale.

Per questo ho dedicato molto tempo a studiare, ad acquisire nuove competenze che integrassero quelle già mie in virtù della mia lunga e articolata esperienza professionale, ad allacciare, in Italia e all'estero, relazioni umane e professionali interessanti e ricche nella varietà e nella profondità, a riflettere su come dare forma concreta all'idea di studio professionale che meditavo da tempo.

In me ora convivono:

  • la forma mentis del filosofo nell'affrontare ciò che è complesso
  • l'esperienza del manager nell'agire strategicamente con tempestività
  • la competenza del counselor nel comprendere le esigenze e saper aiutare l'interlocutore
  • la capacità del coach nel saper essere strumento del cliente
  • l'apertura mentale del globe trotter della conoscenza nel proporre gli approcci più avanzati e innovativi.

Nella filosofia "praticata" la dimensione comunitaria è costitutiva, per questo oltre a coltivarla costamente nella quotidianità diventa una sorta di "forma mentis".
Per questo amo dedicare tempo e attenzione all'incontro e al confronto - stabile o temporaneo - con colleghi di diverse estrazioni culturali e lavorare insieme, combinando gruppi di lavoro multidisciplinari e appassionati in cui l'interazione è fluida e la visione condivisa.

All'interno di Bottega Filosofica stiamo, quindi, tentando di sperimentare anche un nuovo modello organizzativo in cui il legame non sia costituito necessariamente dall'avere 'affari in comune' ma risieda e tragga forza soprattutto nel desiderio di percorrere insieme un tratto di strada a partire da una comune 'visione del mondo'.

Intorno a me si sono quindi coagulate altre energie simili o complementari - al momento tutte femminili - e con queste colleghe e amiche stiamo costruendo qualcosa che non è predefinito ma vive nella logica dell''emergenza', dell'accogliere e dell'apprendere da ciò che emerge mentre giorno dopo giorno, insieme ai nostri clienti, viviamo questa avventura. Insieme amiamo coltivare la curiosità, lo studio e la voglia di sperimentare e sperimentarsi lasciandosi contaminare da approcci e discipline anche nuovi e diversi.

E quando i progetti richiedono il convolgimento di più professionisti o di professionalità diverse - attraverso un modello di partnership innovativo e flessibile che vede Bottega Filosofica come nodo di una rete molto ampia di relazioni - siamo in grado di creare ad hoc gruppi di lavoro poliedrici e affiatati che operano come un'unica realtà organizzativa.

Nel nostro immaginario, un luogo di lavoro assomiglia a una bottega rinascimentale in cui si lavora e si impara insieme, si inventa, si sperimenta, si co-crea. Una breve citazione da un testo della mia amica e compagna di tante avventure filosofiche Simona Gasparetti, esprime compiutamente ciò che intendo dire: Bottega filosofica è ".... un luogo di condivisione amorosa, di contagio, un opificio di alto artigianato, una bottega dove gli animi s'infiammano al lavoro comune, si impregnano di un fervore condiviso e le opere si compiono".

Ci piace, allora, lavorare come una bottega-atelier avendo cura di elaborare, proposte originali, ciascuna da progettare e realizzare insieme con il cliente come in una sartoria d'alta moda, come 'pezzi unici' d'artista.

Così Bottega Filosofica si propone come un gruppo di 'facilitatori in cambiamento' intendendo con questo sottolineare che mentre aiutiamo le persone e le organizzazioni ad affrontare il loro cambiamento e a vivere serenamente e proficuamente le loro transizioni - esplorando le questioni che si presentano come poco chiare, districando ciò che è intricato, adoperandosi per uscire da situazioni di stallo esistenziali, professionali o organizzative per pensare e realizzare il nuovo - noi stessi siamo in costante evoluzione come singoli e come organizzazione.

 

 

progetti no profit 1

Bottega Filosofica considera molto importante prendersi cura del bene comune e, per questo, mettere a disposizione della collettività anche gratuitamente le proprie competenze in progetti che hanno come fine il miglioramento della qualità della vita delle persone, la tutela del bello che c'è intorno a noi, la costruzione di comunità più resilienti e lo sviluppo di una visione del mondo più eco-logica e di una cultura più aperta e solidale.
Per questo partecipa attivamente a importanti progetti sul territorio portando il proprio contributo di energie e di idee.
Attualmente, oltre a iniziative minori, è impegnata, insieme a tanti altri, in alcune rilevanti iniziative.

Nel Rinascimento i maestri si ritrovavano all'interno della Bottega e insieme concorrevano alla realizzazione dell''opera'.
La dimensione comunitaria è costitutiva della metafora alla quale ci ispiriamo.
La filosofia è essenzialmente ricerca e dialogo.
Per questo all’interno di Bottega Filosofica opera un network consolidato di professioniste e professionisti - appassionati e di lunga esperienza nel management e nella consulenza a grandi organizzazioni nazionali e multinazionali - che condividono valori e pratiche e, soprattutto, un forte impegno a sostenere persone e organizzazioni nella loro evoluzione da protagonisti di una società migliore, più sostenibile, più equa, più umana e più felice.

Il nucleo principale di questo network è costituito dal gruppo delle Associates costituito da:

dorian baroni

 

 

Dorian Baroni

 

 

 

 

Fabia Bergamo

 

 

stefania Contesini colore

 

 

Stefania Contesini

 

 

IMG 5397 2

 

 

Piera Giacconi

 

 

silvia

 

 

Silvia Gollini

 

 

DM CIYO

 

 

Daniela Mattia

 

 

 

 

Stefania Picchioni

 

 

 

Se vuoi costruire una nave,
non radunare uomini solo per raccogliere il legno e distribuire i compiti,
ma insegna loro la nostalgia del mare ampio e infinito.
(Antoine-Marie-Roger de Saint-Exupéry)

CV Daniela

Per ingrandire la mappa cliccare al suo interno con il tasto destro del mouse.

Chi è Daniela

Informatica, manager, consulente di sviluppo aziendale, formatrice, coach, il tutto racchiuso in trent’anni di esperienza lavorativa. Ha operato sempre nel mondo dell’ICT con importanti incursioni nel modo della cultura, ricoprendo posizioni manageriali in grandi aziende e in una grande multinazionale americana dell' ICT. Dal 2008 si pone sul mercato come libera professionista sviluppando e coltivando gli skill fondamentali per lo sviluppo d’impresa: innovazione, creatività, tecnologia ed attenzione alle risorse umane. Laureata in Scienze dell’Informazione ha da sempre prediletto i temi dell’innovazione e della tecnologia ma da brava right brain thinker ha sviluppato un proprio modo di approcciare lo sviluppo aziendale, grazie agli approfondimenti sui temi della creatività, della complessità, della ecosostenibilità e dell'etica.
Questa propensione l’ha portata a ricoprire un ruolo di spicco in EMEA nella gestione degli start-up. Ha una naturale predisposizione al problem solving e grandi capacità di team building.
Attiva nel sociale a livello nazionale e locale predilige da sempre il mix di bellezza e tecnologia, arte e numeri.
Cura il suo sviluppo personale regalandosi almeno 10 giorni di formazione all’anno ed immergendosi in svariate letture.
E’ sposata, madre di due ragazze. Ama stare all’aria aperta dove pratica gli sport preferiti, jogging, power walking, nuoto e yoga.
Frequenta teatri ed ascolta musica.

"Lavorare in serenità ed armonia rispettando le direttive e i valori aziendali, riuscendo ad ottenere il massimo da me e dai miei collaboratori" è il suo motto.


CV di dettaglio

Philosophy is not a theory but an activity.
Ludwig Wittgenstein

 


Per ingrandire la mappa cliccare al suo interno con il tasto destro del mouse.

Chi è Stefania

Filosofa, formatrice, counselor filosofica, coach, opera da oltre 20 anni nella  progettazione e realizzazione di interventi formativi, nell’analisi e sviluppo delle competenze professionali e manageriali. Si è occupata di Etica in Impresa e di Benessere Organizzativo. Dopo essersi diplomata nel 2004 al corso triennale per Consulenti Filosofici ha arricchito la propria attività professionale con interventi di formazione e consulenza che valorizzano l’approccio, i metodi e gli strumenti del pensiero filosofico. E’ docente e trainer presso la Scuola Superiore di Counseling filosofico di Torino. E’ stata cofondatrice e animatrice di alcune Associazioni per le Pratiche Filosofiche. E’ autrice di diverse pubblicazioni sul tema della consulenza e delle pratiche filosofiche, tra cui si segnala: Contesini, Zamarchi, Sensibilità filosofica. L’esercizio della domanda per gli individui e le organizzazioni, Apogeo, 2009; Contesini, Frega, Ruffini, Tomelleri, Fare cose con la filosofia, Apogeo, Milano 200

Se non io, chi per me?
Se non qui, dove?
Se non ora, quando?
(Talmud)

CV MY GEN
 

Per ingrandire la mappa cliccare al suo interno con il tasto destro del mouse.


Chi è Myriam Ines

Filosofa, manager, consulente di sviluppo organizzativo, formatrice, coach e consulente filosofico ha un’esperienza lavorativa più che trentennale. Ha operato sempre in ambito HR ricoprendo posizioni manageriali in grandi aziende e in una grande multinazionale della consulenza. Da qualche anno ha scelto di sperimentarsi come libera professionista e poi come imprenditrice, dando vita a Bottega filosofica s.r.l., per dedicarsi alla consulenza strategica nel campo dell’innovazione sociale e organizzativa, allo sviluppo delle persone e al coaching. Laureata in filosofia e specializzata in business ethics, in consulenza e pratica filosofica e in pensiero sistemico, opera coniugando il peculiare punto di vista e i metodi del filosofo 'praticante' con una consolidata formazione ed esperienza di natura aziendale.
Avendo una spiccata attitudine all’innovazione e alla costruzione ex novo di sistemi organizzativi e di gestione, si è occupata di numerosi start up di aziende o di settori aziendali e ha gestito molti progetti complessi di disegno e implementazione di metodologie e sistemi per le HR e di change e transition management.
E' docente nel Master in Etiche relazionali, filosofia in pratica e consulenza filosofica dell'università Roma Tre.
E’ presidente della Delegazione Lazio dell’AIF (Associazione Italiana Formatori) e membro del suo Comitato Esecutivo nazionale, vicepresidente nazionale di ManagerZen, socio fondatore e consigliere di Stewardship Italia, co-fondatrice delle Società Italiana per la Filosofia in Pratica di cui è presidente, co-fondatrice e presidente della Scuola Superiore di Filosofia in Pratica e della Scuola popolare di filosofia e cittadinanza Spazi dell'anima.

 

Esperienze
Lavoro dipendente
Libera professione
Education
Skills
Ricerca e pubblicazioni

Associazioni

 

Curriculum di dettaglio in Italiano

Detailed CV in English

cosa-facciamo
Bottega filosofica è al servizio delle persone per aiutarle a sviluppare maggiore consapevolezza di sé e del mondo, ad affrontare questioni complesse, a migliorare la propria qualità della vità, a imparare ciò che desiderano, a realizzare i propri obiettivi.
Alle organizzazioni che vogliono migliorare la loro capacità di mettersi in discussione, di apprendere e di sviluppare innovazione, Bottega Filosofica offre, anche in collaborazione con altre realtà consulenziali nazionali e internazionali, le metodologie più efficaci e coinvolgenti per imparare a navigare nel mare della complessità e "surfare sull'orlo del caos" (cit. da A.F. De Toni).

perledonne counseling 1

coaching 1 sviluppo della leadership 1 ecoliteracy 1

sviluppo leadershipGià dagli anni ’90 abbiamo assistito all’avvento di una sempre maggiore complessità dovuta alla globalizzazione economica e sociale, i fatti dell'11 settembre 2001 hanno hanno sancito la fine del complesso di certezze su cui posava il mondo industrializzato, confidente nel progresso ininterrotto, nella superiorità della civiltà occidentale di mercato, nel primato incontrovertibile della tecnica, la crisi non solo economico-finanziaria nella quale stiamo vivendo da qualche anno e l'imprevedibilità del futuro hanno minato definitivamente la fiducia assoluta nei modelli di previsione, nello scientific management, nella pianificazione strategica, nella razionalità economica.
Quando tutto diventa imprevedibile e impalpabile, quando si affacciano nuove emergenze sociali e ambientali, diventano necessari approcci diversi e mentalità nuove. Tra natura e cultura va ricostruito un patto, tra progresso e ambiente vanno stabiliti nuovi limiti di compatibilità. E’ ormai chiaro a tutti che non si può leggere il futuro con gli occhi del passato. Sono cambiate le regole della politica, ma anche quelle dell’economia e della finanza. E sono cambiate le relazioni e i rapporti tra la politica, l’economia e la finanza. Sono largamente cambiate le regole di governo delle aziende ed è cambiata la modalità di gestire i sistemi sociali. I saperi necessari per il futuro non sono più solo quelli tecnologici e scientifici ma sono quelli che consentono di ricomporre le fratture  tra pensiero umanistico e pensiero scientifico, fondando un nuovo approccio scientifico ai problemi, basato sulla complessità e sulla responsabilità.
E’ necessario ridare spazio e importanza alle domande, alle emozioni, all’intuito, alla creatività; valorizzare la diversità e sostenere lo sviluppo dei talenti individuali invece che la conformità a modelli precostituiti; saper liberare e aver fiducia nell’intelligenza collettiva che può svilupparsi nell’autonomia e nella libertà sostituendo passione e visione condivisa alla logica del controllo. Per questo serve una nuova visione della leadership e percorsi di apprendimento che sappiano generarla.

ecoliteracyFritjof Capra definisce l'Ecoliteracy scrivendo "La grande sfida del nostro tempo è quella di costruire e coltivare comunità sostenibili [...] Il primo passo in questo sforzo è quello di comprendere i principi di organizzazione che gli ecosistemi hanno sviluppato per sostenere la rete della vita. Questa comprensione è ciò che noi chiamiamo alfabetizzazione ecologica (ecoliteracy). Creare una tale competenza ecologica diffusa sarà il compito più importante assegnato alla formazione in questo secolo".
Ecoliteracy quindi significa sviluppare quella comprensione profonda delle interazioni tra sistemi naturali e sistemi umani necessaria per cominciare a cambiare i sistemi umani - in particolare l'economia, la finanza, la produzione e il consumo del cibo, la gestione dei rifiuti, i modi dell'abitare, i trasporti, l'energia - in modo da vivere bene in modo sostenibile e, allo stesso tempo, mantenere e migliorare la salute dei sistemi naturali e la diversità della vita.
Che la nostra società non sia sostenibile è evidente in tanti modi. Questo dipende dal fatto che, nella maggior parte dei casi, si punta all'ottimizzazione di uno o pochi aspetti di un sistema senza riuscire a guardarlo nel suo complesso. Imparare a pensare e sentire il senso della nostra esistenza all'interno di una visione del mondo eco-logica - e non ego-logica - è un impegno grande, ma iniziare questa tras-formazione non è mai stato così importante come nel momento attuale.
Dobbiamo cambiare, a livello sia individuale che collettivo, il nostro rapporto con la natura e il nostro modo di studiare la scienza, l'economia, le imprese e la psicologia, al fine di sviluppare una comprensione sistemica del modo per affrontare le sfide ecologiche e sociali attuali. Si tratta di un cambiamento a livello profondo che coinvolge le persona su tutti i piani,  cognitivo, emozionale e anche spirituale.
Arne Dekke Eide Næss, il più grande filosofo norvegese del ventesimo secolo, generalmente riconosciuto come il fondatore dell’ecologia profonda, distingue fra un’ecologia ‘superficiale’, che si batte per la conservazione della natura, che però rimane risorsa al servizio dell’uomo, e un’ecologia ‘profonda’, che sostiene il valore intrinseco delle realtà naturali.
Naess così si esprime: «I sostenitori dell’ecologia di superficie pensano di poter modificare le relazioni dell’uomo con la Natura all’interno della struttura della società oggi esistente […], la maggior forza trainante del movimento dell’Ecologia Profonda, se paragonato a tutta la restante parte del movimento ecologista, è invece, l’identificazione e la solidarietà con tutta la Vita».
Possiamo allora definire l'Ecoliteracy come il cammino di ricerca di una nuova armonia ecologica tra gli esseri viventi che abitano il pianeta Terra.

consulenza e formazioneNoi crediamo che sia possibile rendere migliore la nostra società facendo incontrare persone e prospettive diverse per ri-creare i nostri sistemi e, con loro, anche noi stessi. Pensiamo che, di fronte a sfide complesse, tutti gli attori coinvolti possano lavorare insieme per scoprire modi nuovi e condivisi per affrontarle. Per questo aiutiamo a costruire gruppi che siano in grado di impegnarsi con passione e competenza e di valorizzare le risorse disponibili mobilitando l'intelligenza collettiva per creare un futuro migliore per sé, per la propria organizzazione e per la comunità più ampia.
Ci impegniamo con i nostri partner e clienti nei processi di cambiamento e in altre sfide complesse - all'interno delle imprese,  nelle organizzazioni pubbliche e in quelle della società civile - a più livelli, individuale, di team, di organizzazione, di comunità.
Non abbiamo ricette rigide: il nostro lavoro è sempre pratico, professionale e su misura per le esigenze specifiche della situazione. Collaboriamo con i nostri partner e clienti per trovare modi concreti per migliorare e per affrontare specifiche sfide. Per questo il nostro contributo assume molte forme, utilizzando e combinando diversi metodi.
Il nostro approccio è maieutico, partecipativo, creativo, sistemico, trasversale, multidisciplinare e orientato all'azione, favorisce lo sviluppo della capacità di costruire ampie cornici di senso, nelle quali gli individui possano inscrivere la loro esperienza e gestire situazioni complesse, e si caratterizza per il peculiare stile filosofico, ovvero l'orientamento all'analisi critica e alle pratiche riflessive e argomentative, l'attenzione alle tonalità affettive del pensare e dell'agire, la ricerca di senso nelle situazioni difficili e ambigue e una particolare cura delle relazioni e dei percorsi di apprendimento.

coachingPer noi il coach è un 'facilitatore di cambiamento'. Il coaching, quindi, è una relazione, una partnership attraverso la quale una persona viene sostenuta nella realizzazione di un percorso di tras-form-azione che desidera intraprendere nel campo sia personale che professionale,
Nell'ambito di un coaching la persona viene accompagnata nell' esplorazione della realtà che la circonda e nella ricerca e scoperta di sé e delle proprie risorse; viene aiutata nella focalizzazione dei propri desideri e obiettivi e nell'apprendimento di nuovi saperi e nuove competenze attraverso la loro concreta speriment-azione sul campo.
Il nostro coaching più che una tecnica o un metodo può essere definito un''arte' in quanto impiega metodi e tecniche ma, proprio come farebbe un artista con le conoscenze e gli strumenti della propria, li combina in maniera creativa ed efficace costruendo con il singolo cliente un percorso originale e personalizzato in cui 'la strada si fa insieme al cammino'.
Quando siamo impegnati in una relazione di coaching, quindi, non proponiamo chiavi di lettura standard né protocolli per l'azione predefiniti, ma piuttosto mettiamo al servizio del cliente tutto il nostro capitale di conoscenze, competenze ed esperienze perché insieme si possa co-creare il percorso di apprendimento e di cambiamento che maggiormente senta come proprio, tanto da poter assumere serenamente e fiduciosamente la piena responsabilità della sua attuazione.
La nostra formazione anche nella filosofia in pratica ci consente di offrire sempre un approccio che integra fruttuosamente il patrimonio culturale proprio della filosofia con quello specifico della formazione e sviluppo delle persone.

METTERSI AL TIMONE
Quando gli eventi della vita sembrano assumere una piega che non convince, ci si può far trascinare dalla corrente o mettersi al timone per intraprendere nuove rotte di esplorazione di se stessi e del mondo. La modifica dello status quo, infatti, passa attraverso la nostra capacità di avere una visione diversa delle cose.
Tre percorsi di Life Coaching studiati ad hoc per affrontare problemi comuni e situazioni di stallo:
1) Conosci te stesso (per vivere meglio con gli altri)
2) Guida il cambiamento
3) Vivi il tuo tempo

Durata: 12 incontri di due ore con frequenza quindicinale
Modalità di erogazione: incontri one to one o in piccoli gruppi
Location: non sempre al chiuso di una stanza, ma anche in una villa, un parco, un museo. Il criterio di scelta delle location sarà quello di favorire la piena libertà di
espressione di sé del cliente e l'attivazione della sua creatività.

Parole chiave: capire la propria strada; trasformare le emozioni; cambiamento personale;
essere liberi; essere felici; vivere il tempo; motivarsi al benessere, work-life balance

LAVORI IN CORSO: FAR EVOLVERE LE COMPETENZE.
Bottega Filosofica è al fianco delle aziende e delle altre organizzazioni nel prendersi cura dell'evoluzione delle competenze dei propri collaboratori perché queste siano sempre all'altezza delle sfide che pongono contesti complessi e possano essere espresse in un ambiente di lavoro sereno in cui sono favoriti la creatività e l'orientamento al risultato.
Energia, competenza, motivazione e consapevolezza – di sé e del mondo – costituiscono il core di tre diversi percorsi volti a sviluppare, esercitandole nel vivo, competenze evolute di tipo sistemico indispensabili per ottenere buoni risultati nelle situazioni ad alta complessità nelle quali operano le organizzazioni del XXI secolo.
1) Accendere l'intelligenza collettiva
2) Tessere la tela: l'arte della costruzione del consenso
3) Problem Solving Addicted
Durata: 10 incontri di 2 ore. Frequenza quindicinale
Modalità di realizzazione: incontri di gruppo
Location: non solo in ufficio ma, se utile e praticabile, anche in modalità outdoor.

Parole chiave: intelligenza collettiva; dinamiche relazionali; comunicare con gli altri; obiettivi professionali;
partecipazione e cooperazione; gruppo come valore; lavoro e passione; motivazione.

coaching sartoriale 1Il lusso di un abito su misura! Che si tratti di persone all'interno di una organizzazione o di singoli, di focalizzarsi sull'ambito personale o professionale, la finalità è accompagnare il cliente in un percorso di conoscenza di sé e del contesto e sostenerne lo sviluppo tra "ali e radici".
Il focus è sull'acquisizione di consapevolezza delle risorse esistenti e delle proprie potenzialità e sul raggiungimento degli obiettivi personali e/o organizzativi desiderati.
Al termine del percorso condotto insieme al coach, il cliente avrà una visione più chiara e contestualizzata di sé e dei propri obiettivi e avrà individuato modi nuovi e più soddisfacenti di essere e di agire.

Durata: 8/15 incontri (da definire in seguito al primo colloquio).
Modalità di realizzazione: incontri one to one o di gruppo
Location: non sempre al chiuso di una stanza, ma anche in una villa, un parco, un museo. Il criterio di scelta delle location sarà quello di favorire la piena libertà di espressione di sé del cliente e l'attivazione della sua creatività.
A chi è rivolto: a tutti coloro che vogliono scoprire e raggiungere i propri obiettivi, nella vita
personale e professionale, migliorando contemporaneamente la conoscenza di sé e la
capacità di utilizzare in maniera efficace tutte le risorse a disposizione.

Richiedi un primo colloquio gratuito.

Il transition coaching è utile in tutti  i momenti importanti di cambiamento che la vita propone. 
Ogni cambiamento, infatti, può essere rifiutato - e allora persone e organizzazioni non evolvono - o accolto dando inizio a un personale, specifico percorso di transizione.

Tale percorso può avvenire più serenamente e concludersi con successo quando se ne riconoscano le fasi costanti e i modi e tempi peculiari di viverle da parte di ciascuna persona o organizzazione.La transizione è un processo che coinvolge tutti gli aspetti umani: quelli fisici e ‘logistici’, quelli psicologici e relazionali, quelli esistenziali e identitari, quelli organizzativi e di auto sviluppo.

Con il nostro coaching sosteniamo le persone e le aziende nella realizzazione del proprio percorso di tras-forma-azione attraverso un processo virtuoso finalizzato a:

  • comprendere l'oggi;
  • immaginare il domani;
  • ri-definire il  proprio sé;
  • creare un nuovo modo di essere;
  • ritrovare l'integrazione di tutti gli aspetti della vita. 

Il transition coaching aiuta le persone e le organizzazioni a cogliere ogni cambiamento come un momento prezioso di apprendimento e di sviluppo personale e organizzativo senza farsi spaventare dal nuovo ma piuttosto partecipando attivamente alla sua co-costruzione e imparando a valorizzare il futuro che ne emerge. 

counseling

Il counseling  si rivolge alle persone - singole o gruppi, anche all'interno di un organizzazione - che sentono il desiderio di conoscersi meglio, di esplorare la propria visione del mondo, indagare la dimensione esistenziale o portare alla luce i presupposti del proprio agire o che si possono giovare di un supporto in una situazione di disorientamento e di disagio.
Il termine counselling deriva dal verbo inglese to counsel, che nasce a sua volta dal verbo latino consulo-ĕre, tradotto in “consolare”, “confortare”, “venire in aiuto”. Ma un altro verbo latino con la stessa radice, utile per chiarire in cosa consista il counseling, è consulto-āre, che significa “consigliarsi”, “deliberare”, “riflettere”.
Un counselling efficace permette al soggetto di raggiungere un grado di auto-comprensione tale da consentirgli di adottare provvedimenti positivi alla luce di un suo nuovo orientamento.
In ambito organizzativo un intervento di counseling può rivelarsi utile per gestire difficoltà relazionali tra colleghi o difficoltà esistenziali dei singoli che possono incidere sull’attività lavorativa e quindi sulla loro vita. Ad esempio un counselor può:

  • supportare nell’affrontare problematiche legate al di-stress e al burn-out
  • aiutare nella gestione dei conflitti nell’ambiente lavorativo
  • aiutare ad affrontare situazioni di mobbing o a  prevenirle
  • favorire la socializzazione organizzativa
  • aiutare nell’orientamento relativamente allo studio e alla vita professionale
  • agevolare la transizione al/nel lavoro
  • agevolare lo sviluppo delle competenze e i processi formativi
  • supportare e orientare nello sviluppo di carriera
  • facilitare l’apprendimento organizzativo.

In considerazione delle nostre competenze distintive, i servizi di counseling offerti da Bottega filosofica assumono una peculiare "inclinazione filosofica" anche quando non si tratti specificamente di consulenza filosofica.

Ciascuna donna è leader. Ognuna, infatti, costruendo la propria vita conduce se stessa e influenza, in qualche misura, la vita degli altri, nella professione, nella famiglia o in ambiti più ampi.
Esercitare la leadership, quindi, è richiesto a tutti e va molto al di là delle competenze, del sapere o del sapere fare.
Ma cosa intendiamo quando parliamo di leadership?
Leadership è quella particolare dimensione - che emerge da se stessi, dalla conoscenza e dalla motivazione - che permette a ciascuno di agire in maniera coerente e potente, costruttiva e creativa, prendendosi cura di sé e degli altri. E che deve esprimersi, pertanto, con modalità personali: non si può essere efficaci solo "applicando" un modello esterno.
Spesso si sente dire che c'è bisogno di nuovi paradigmi. Un nuovo paradigma è pensare la leadership come un movimento autentico del Sé inside-out - piuttosto che l'inverso - e concepirla più armonica e completa, integrando componenti "maschili" e "femminili".
Per ottenere questo c’è bisogno che le donne, in particolare, scoprano ciascuna la propria leadership - e il modo personale di esercitarla - e, insieme, il proprio valore di singole e di genere. Perché non basta essere più numerose nei luoghi di potere, è necessario portarvi la propria qualità specifica - in quanto unicità irripetibile e in quanto donna - arricchendo con essa il modo di lavorare, di governare, di vivere.
Per sviluppare quella conoscenza e percezione di sé che permette di esercitare una leadership autentica sulla propria vita e nei confronti degli altri, diventa indispensabile, quindi, per le donne, curare il proprio sviluppo individuale e di genere, considerando la persona nella sua completezza, tenendo insieme le dimensioni fisica, intellettuale, emotiva e spirituale.

Action Learning
Apperciative Inquiry
Bilancio di Competenze
Coaching e Team Coaching
Comunità di Pratica
Consulenza di Processo
Costellazioni Sistemiche Familiari e Manageriali
Facilitazione e Metodi Partecipativi
Insights Discovery
Pensiero Sistemico
Pratica Filosofica
Reflective Learning
Theory U
Transformative Scenario Planning e Change Lab

In questa sezione sono raccolti tutti i nostri interventi video.

Sulla Stewardship

Su Transition Town Roma Appio Latino

In questa sezione pubblichiamo articoli di altri autori, traduzioni di articoli stranieri, passi di letteratura e quanto altro ci sembra utile per sollecitare una riflessione e, magari, avviare un confronto sulle sollecitazioni proposte. Questi materiali sono pubblicati anche sui social (nelle nostre pagine LinkedIn e Facebook) dove sarà possibile ricevere commenti e avviare una discussione in merito.

 

 

In questa sezione pubblichiamo brevi post e articoli delle professioniste di Bottega Filosofica per condividere i nostri pensieri, quello che ci stupisce, progetti e work in progress non solo per esplicitarli ma soprattutto per condividerli, per raccogliere commenti e feedback, per trovare compagne e compagni di strada. Questi materiali sono pubblicati anche sui social (nelle nostre pagine LinkedIn e Facebook) dove sarà possibile ricevere commenti e sarà piacevole avviare una discussione.