Vogliamo qui valorizzare esperienze e progettazioni realizzate, finora, per alcune scuole superiori. Le scuole non sono per noi un target ma è capitato talvolta che ci venisse chiesto di lavorare per e con gli studenti.

Abbiamo così sviluppato laboratori di pratica filosofica con i ragazzi che, nella maggior parte dei casi, sono stati un volontariato civile da perte di chi crede che la filosofia possa aiutare a confrontarsi, senza sofferenza, con la complessità in cui siamo immersi, a elaborare una visione del mondo adeguata e a mediare nelle difficoltà di dialogo del nostro tempo.

Ma cos'è un laboratorio di pratica filosofica  per le scuole?

Un laboratorio consiste nell’esercizio del dialogo e della riflessione filosofica – il “filosofare” - con un gruppo (non superiore a 25 persone) di studenti e/o docenti, finalizzato ad aiutarli a prendere coscienza della propria visione del mondo, a pensare in modo rigoroso, a riflettere senza presupposti e pregiudizi, a individuare, evitare o correggere errori argomentativi, ponendo in relazione concetti, significati e valori importanti e utili per la vita quotidiana.

Fin dall’antichità la filosofia si è occupata, oltre che della conoscenza teoretica, anche di esercizi pratici per il vivere bene. Il filosofo 'praticante' è in grado di coniugare una qualificata competenza nel sapere filosofico con una metodologia di ascolto, accoglie la crescente domanda di aiuto che nasce dalle problematiche condizioni sociali, economiche e morali proprie delle società tecnologicamente avanzate. Prestando il suo servizio, il filosofo, agisce quindi come facilitatore del libero svolgimento del ragionamento filosofico particolarmente prezioso quando applicato alle questioni 'brucianti' messe a tema dai giovani.

Il progetto si propone di potenziare nei giovanissimi un pensare consapevole, critico e personale che, anche attreverso la pratica dell'ascolto attivo e dell'osservazione fenomenologica - e quindi priva di pregiudizi - rafforzi la capacità dialogica fra uomo-donna, fra giovani e adulti e fra giovani di provenienze culturali diverse.

Obiettivi spacifici dei laboratori di pratica filosofica per le scuole risultano essere, pertanto:

  • sviluppare la capacità di porre correttamente le questioni (problem setting)
  • sviluppare la consapevolezza di sé e del mondo e la capacità di ascolto dell’altro
  • aprire orizzonti di comunicazione e di riflessione intersoggettivi
  • guidare verso l’identificazione del proprio perimetro o visione del mondo
  • aiutare a sviluppare una visione sistemica del mondo e il senso di appartenenza alla natura e di interdipendenza tra gli esseri umani e tutti gli altri esseri viventi e non
  • aiutare a sviluppare un senso di responsabilità civile e collettiva rafforzando il sé dei singoli individui e favorendo la loro partecipazione attiva alla vita della propria comunità e della società in generale (cittadinanza attiva).

Di seguito alcuni esempi di esperienze e proposte tra quelle condotte dai professionisti di Bottega filosofica.

Alla ricerca di sé

I care - apprendere la cittadinanza

I care - apprendere la sostenibilità ambientale in una logica sistemica